Seguici su: Facebook Facebook Twitter Twitter

Sei in:HomeHomeCura e ricerca ›

Indagine di sorveglianza per gli ex esposti ad amianto: istruzioni per usufruire dei servizi

Indagine di sorveglianza per gli ex esposti ad amianto: istruzioni per usufruire dei servizi a tutela della salute, in Regione Toscana

Nel 2016 la Regione Toscana dà inizio al Progetto “Indagine di sorveglianza sanitaria e percorso clinico per gli ex esposti ad amianto e sviluppo di linee di indirizzo per la sorveglianza sanitaria di ex esposti ad altri cancerogeni occupazionali” con la delibera 396 del 3/5/2016. Il progetto coinvolge tutte le Unità funzionali PISLL dei Dipartimenti di prevenzione di tutte le Aziende USL toscane, le Aziende Ospedaliero-Universitarie con la loro organizzazione clinica, compresa la struttura di Medicina del lavoro, a cui compete l’erogazione delle prestazioni sanitarie di secondo e terzo livello. L’Istituto per lo studio, la prevenzione e rete oncologica (ISPRO) viene coinvolto come controllore e gestore dei dati epidemiologici e garante della correttezza dei dati raccolti e della loro elaborazione; assieme a quest’ultimo è coinvolti anche l’Istituto Tumori Toscano, che esercita la funzione di individuazione e coordinamento, in ambiente oncologico, del percorso clinico dei casi affetti da patologia oncologica.
Infine, al progetto partecipa il Centro di Documentazione sul’amianto Marco Vettori, che la Regione Toscana riconosce come Centro di riferimento Regionale per la documentazione sull’amianto stesso.
Le prestazioni che saranno erogate ai partecipanti all’Indagine di Sorveglianza saranno tutte gratuite: l’Amministrazione Regionale della Toscana ha stabilito di attribuire un codice di esenzione pagamento ticket alle persone che aderiranno all’invito ad intraprendere il percorso diagnostico, ed eventualmente terapeutico.
la Regione mette a disposizione dei suoi cittadini ,gratuitamente, la possibilità di effettuare controlli per promuovere e mantenere lo stato di salute.
A CHI E’ RIVOLTA L’INIZIATIVA?
 Uomini e donne residenti in Toscana che si siano visti riconoscere l’esposizione professionale all’amianto, o che ritengono comunque di essere stati esposti, anche se non vi è stato ancora il riconoscimento dell’esposizione.
 Che abbiano un’età inferiore agli 80 anni.
 Che non lavorino più con l’amianto da un periodo inferiore a 30 anni.
 Che siano in pensione o che lavorino ancora, ma in una azienda diversa da quella in cui sono stati esposti all’amianto.
PER QUANTO TEMPO?
Gli ex esposti all’amianto, riconosciuti come tali, continueranno ad essere seguiti GRATUITAMENTE fino al compimento degli 80 anni di età.
COME SI PARTECIPA ALLA SORVEGLIANZA?
 Le persone potenzialmente interessate riceveranno dalla propria Azienda USL una lettera di invito su cui sarà indicato un numero di telefono, tramite il quale si potrà concordare direttamente la data e l’ora dell’appuntamento per un primo incontro.
 Le persone non chiamate direttamente, ma che ritengono di rientrare nei requisiti sopra indicati, potranno partecipare alla sorveglianza con un accesso spontaneo telefonando ad uno degli ambulatori indicati sui depliant allegati.
 Nel primo incontro sarà valutata, tramite un colloquio sulla vita lavorativa della persona, l’effettiva esposizione all’amianto: chi risulterà ex esposto verrà avviato al percorso
diagnostico gratuito.
 In caso di necessità di approfondimenti diagnostici, le persone saranno inviate alle unità
operative di Medicina del Lavoro delle Aziende Ospedaliero-Universitarie di Pisa e di
Siena o, per l’Area Vasta Centro, all’Azienda USL Toscana Centro.
Anche questa fase sarà completamente gratuita.
QUALI ESAMI VERRANNO EFFETTUATI?
VISITA di PRIMO LIVELLO
Visita medica di prevenzione
Spirometria
Rx torace con doppia lettura
Invio dei fumatori al Centro antifumo
Questa visita sarà ripetuta ogni 3 anni in caso di alta o media esposizione, oppure ogni 5
anni in caso di bassa esposizione.
VISITA di SECONDO LIVELLO
Per approfondimenti immediati
Visita medica di prevenzione
DLCO (se alta o media esposizione)
TC polmone con mdc

ADESIONE 2017-2018 ALL’INVITO DELLA REGIONE PER PARTECIPARE ALL’INDAGINE
DI SORVEGLIANZA: 1422 PERSONE

ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI RELATIVI A FREQUENZA DEI MESOTELIOMI E
FRAZIONE ATTRIBUIBILE DI TUMORE POLMONARE PER GLI EX ESPOSTI (DATI
ReNaM PER I MESOTELIOMI E REGISTRO DI MORTALITA’ REGINALE PER I TUMORI
POLMONARI).

Casi di mesotelioma in Toscana, anni 1988-2015 : 1694, di cui 1327 maschi e 367 femmine
Mortalità per tumore al polmone in Toscana, totale,maschi, anni 1988-2015: 50594
Mortalità per tumore al polmone in Toscana, frazione attribuibile ad esposizione ad amianto,
come stima, calcolando una quota che varia dal 5% al 7%, maschi, anni 1988-2015: 2530-3500

NordOvestCentroSudEst


28Aprile 2 28Aprile 1 workers-memorial-day-2017.png (250) workers_memorial_day_2017.jpg (249) wmday.png (248) lightacandle_wmd.jpg (247) giornata-mondiale-vittime-amianto.jpg (246) april28.jpg (245) amianto_vittime.jpg (244) Archiviovettori Convegno Bologna The great trial La grande prova dsc_0166.jpg (207) dsc_0164.jpg (206) dsc_0161.jpg (205) dsc_0158.jpg (204) dsc_0159.jpg (203) dsc_0156.jpg (202) dsc_0143.jpg (201) dsc_0142.jpg (200)
Centro documentazione sull’amianto e sulle malattie amianto correlate “Marco Vettori” - Presso fondazione ONLUS “Attilia Pofferi”

Largo San Biagio, 109 - 51100 Pistoia (PT) - Tel. 0573 35 83 84 - Cell. 345 67 15 109 - Email: centrodoc.mvettori@gmail.com

Note legali - Privacy Policy - Cookie Policy - Realizzazione siti web by TimeforWeb

Per migliorare l'esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, clicca su "acconsento" per abilitarne l'uso.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra informativa completa. Consento